Inaugurazione del Polo Nazionale della Dimensione Subacquea

12 dicembre 2023

Di Redazione

La Spezia, 12 dicembre 2023

Un catalizzatore e acceleratore tecnologico, capace di aggregare tutte le realtà pertinenti alla dimensione subacquea: Istituzioni, mondo accademico, della ricerca e industriale. Inaugurato oggi alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Enrico Credendino, dei ministri della Difesa – Guido Crosetto – e per la Protezione Civile e per le Politiche del Mare – Nello Musumeci – e del Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, il Polo Nazionale della Dimensione Subacquea (PNS) nasce con l’obiettivo di garantire al Paese la capacità di trarre beneficio dalla gestione sostenibile e sicura del dominio sottomarino. Realizzato sotto l’egida della Marina Militare - che ha messo a disposizione gli spazi del Centro di Supporto e Sperimentazione Navale di La Spezia – il Polo abiliterà e sosterrà la ricerca e l’innovazione in questo settore, al fine di acquisire e consolidare un crescente vantaggio tecnologico in una dimensione sempre più strategica per la sicurezza e lo sviluppo socioeconomico dell’Italia. 

Da sinistra: Enrico Credendino, Nello Musumeci, Guido Crosetto, Giovanni Toti

Una delegazione della Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine - guidata dal Presidente Luciano Violante e composta da Danila Aprea, Responsabile Relazioni Esterne e Istituzionali e Coordinamento Progetti di Ricerca, e Vincenzo Pisani, Responsabile Civiltà del Mare e Coordinamento Progetti di Ricerca -  ha confermato il proprio impegno sul tema del subacqueo, sui con un filone di ricerca dedicato, nell’ambito del quale ha realizzato - in collaborazione con Marina Militare e con il supporto di studiosi ed esperti del Consiglio Nazionale delle Ricerche e dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza - il primo rapporto globale dedicato alla dimensione subacquea e presentato lo scorzo 27 marzo presso l’Accademia Navale di Livorno. L’impegno della Fondazione è poi proseguito con il lancio dell’iniziativa “Le Università per il Subacqueo” - cui hanno già aderito circa 50 università specializzate in questo ambito. Tale iniziativa si pone l’obiettivo di diffondere e promuovere la cultura del subacqueo attraverso iniziative con il mondo accademico, universitario e il sistema educativo nazionale; coinvolgere le nuove generazioni attraverso lo sviluppo di programmi accademici, approfondimenti e seminari focalizzati su tale dimensione; contribuire alla definizione di nuovi profili professionali per rispondere all’individuazione dei fabbisogni del settore subacqueo. 

Credits: Marina Militare Italiana


Nell’ambito di tale iniziativa, il prossimo anno sono già in programma  a Roma, La Spezia, Lecce e Milano  quattro appuntamenti organizzati rispettivamente da La Sapienza, dall’ISME (Centro Interuniversitario di Ricerca e Sistemi Integrati per l’Ambiente Marino), dall’Università del Salento e da Milano-Bicocca e dedicati al mondo subacqueo dal punto di vista  geopolitico e geostrategico, al patrimonio archeologico e culturale sommerso, agli aspetti tecnologici e industriali e alle questioni regolatorie, con particolare riferimento all’inquadramento e alla definizione dei profili professionali che operano in tale dimensione. Una conferenza plenaria – promossa dalla Fondazione in collaborazione con Marina Militare illustrerà a fine anno le relazioni scientifiche maturate a valle di ciascuno degli appuntamenti, alla presenza dei decisori politico-istituzionali e dei principali portatori di interessi della dimensione subacquea. 

Credits: Marina Militare Italiana