La Comunicazione della Commissione e dell'Alto rappresentante per il rafforzamento della base industriale e tecnologica europea

di Claudia Figliolia

20 giugno 2022

La Commissione Europea e l’Alto rappresentante hanno presentato un’analisi delle carenze degli investimenti nel settore della difesa, proponendo una serie di misure necessarie per il rafforzamento della base industriale e tecnologica del settore.
La Comunicazione mira a garantire che l'aumento della spesa per la difesa degli Stati membri si traduca nel rafforzamento dell’industria tecnologica, con un conseguente incremento della deterrenza convenzionale per qualsiasi tipo di potenziale avversario.
Tra i settori che necessitano di investimenti rilevano in questa sede soprattutto il miglioramento della connettività sicura via satellite (compreso un programma europeo di connettività ultra protetta altamente resiliente), nonché il potenziamento della ciberdifesa in risposta al crescente rischio di attacchi informatici da parte di attori statali nel contesto della concorrenza geopolitica.
Come si legge nel documento occorre lavorare “per una capacità di ciberdifesa a tutto spettro” comprensiva delle capacità per la conoscenza situazionale informatica e la condivisione di informazioni (basate anche su potenziali sinergie con un'infrastruttura europea di “ciberscudo” dei centri operativi di sicurezza (SOC)), un comando e controllo ciberresiliente e interoperabile per le operazioni e le missioni militari, esercitazioni e formazioni di cibersicurezza e forze di riserva per la cibersicurezza a livello nazionale.