Dicembre 2021
L’ultimo numero del 2021 di Civiltà delle Macchine è dedicato al perturbante tema del Gemello Digitale. Accanto ai molti vantaggi che progressivamente garantirà a livello industriale, si affiancano nuove questioni filosofiche e metodologiche che ci immergono nelle trasformazioni introdotte dal progresso digitale, ponendoci molte domande su quali conseguenze avrà la migrazione della nostra vita in uno spazio virtuale. Su questi temi si concentrano gli interventi, tra gli altri, di Carlo Cavazzoni, Andrea Marcolongo, Daniele Rielli e Domenico Quaranta.

In questo numero

Profezie delle macchine

Di Carlo Cavazzoni

Prevedere. Catalogare il reale prima degli altri, prima di tutti. In una parola soltanto, e immortale: essere Prometeo. Mito filantropico, scopo ultimo dell’eroe greco è quello di donare agli uomini, sue creature, le qualità e gli strumenti per sottrarsi un poco a quella necessità di natura che li rende tanto fragili, limitati, terribilmente mortali.

Essere Prometeo

Di Andrea Marcolongo

Prevedere. Catalogare il reale prima degli altri, prima di tutti. In una parola soltanto, e immortale: essere Prometeo. Mito filantropico, scopo ultimo dell’eroe greco è quello di donare agli uomini, sue creature, le qualità e gli strumenti per sottrarsi un poco a quella necessità di natura che li rende tanto fragili, limitati, terribilmente mortali.

Se cento frecce mancano il bersaglio. Big data e metodo scientifico

Di Guglielmo Lanzani

La scienza rappresenta la più imponente narrazione che l’umanità abbia mai saputo esprimere. Il suo metodo prevede di fare ipotesi e di verificarle quantitativamente. La matematica è il suo linguaggio. Lo scopo è di comprendere e spiegare in maniera sempre più completa i fenomeni della natura che ci circondano.

Come stanno i gemelli

Di Francesca d'Aloja

Nel 1961 i ricchi, liberali e democratici Stati Uniti avallarono un esperimento dai risvolti inquietanti. Un gruppo di psichiatri, con l’aiuto (verrebbe da dire con la complicità) di un’agenzia per le adozioni, aveva promosso uno studio sugli effetti del contesto sociale sullo sviluppo di individui con lo stesso patrimonio genetico.

Parenti per sempre. App, fantasmi, connessioni post mortem

Di Barbara Frandino

John Vlahos ha la voce rauca e sbiadita dall’età e dalla malattia. Ogni tanto si interrompe, come se avesse dimenticato quello che stava per dire, e dà un colpo di tosse. Poi sfodera un ricordo o una citazione di qualche poeta greco.

Archivio pubblicazioni

Nuova Edizione

Dopo sessant’anni torna Civiltà delle Macchine, uno spazio colto e libero, aperto ai pensieri e ai soggetti che possono aiutarci a capire, conoscere e interpretare la modernità.

Nuova Edizione